X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

La caduta degli archetipi

La caduta degli Archetipi

Il lago sopra, il fuoco sotto.Il lago potrebbe spegnere il fuoco, o il fuoco distruggere il lago. In tempi straordinari, si richiede un cambiamento straordinario. (I Ching) .  Esagramma 49 - Ko la Muda: il sovvertimento

La guerra è iniziata.  Non si tratta della guerra con le armi, quella che devasta paesi e persone molto lontane da noi.  Mi riferisco ad una guerra più subdola,  iniziata in Europa e che passa quasi inosservata, perché non fa uso delle armi convenzionali. Questa guerra mira alla destrutturazione della società europea. Ogni guerra mette in atto una campagna attraverso vari sistemi di propaganda per destabilizzare il “nemico” e creare fumo e confusione.  Inoculare informazioni fuorvianti come l’ideologia del gender, compiere azioni di grande impatto simbolico, come lo stupro e le moleste sessuali alle donne di Colonia. Chi poteva mai sospettare che questa immigrazione massiva potesse essere pilotata? Chi poteva immaginare che la disperazione di autentici profughi di guerra venisse sfruttata da gruppi sovversivi,  che infiltrano agitatori nel flusso migratorio al fine di creare disordine, confusione, collasso nella società  occidentale?  La Germania ha accolto un milione e mezzo di richieste di asilo (siriani e afgani per la maggior parte, e quindi musulmani da paesi  noti per le loro politiche estremiste). Ed è proprio a Colonia che è stata inscenata, in maniera metodica, l’assalto alle donne da parte di gruppi di uomini stranieri, in  gran parte musulmani. Lo scenario si è ripetuto a Stoccarda e ad Amburgo.  Non è certo la disperazione ad avere portato  immigrati arabi a stuprare ripetutamente donne che festeggiavano il capo d’anno per strada. E’ stata una azione premeditata e organizzata in un paese che ha spalancato  le sue frontiere agli immigrati.  E’ stata un’azione di  guerra: infliggere la supremazia del nemico, stuprando le donne e inseminandole col seme dell’invasore, come successe in Kosovo e come è sempre stato ritualizzato in ogni contesto di guerra. Dopo gli attentati, questo è un altro episodio della guerra all’Occidente e ai suoi valori “decadenti”. L’Islam è una religione patriarcale che assoggetta la donna e  che non esita ad ammazzarla quando ha velleità di emancipazione.  Stiamo assistendo alla caduta degli Archetipi Maschili e Femminili. L’occidente, e l’Europa in particolare,  da molti anni, sono basculate dal paternalismo colonialista a un modello matriarcale di società,  più integrativo e tollerante, senza però trovare il giusto equilibrio tra queste due forze. Il lago sopra, il fuoco sotto. Le donne che hanno coraggiosamente lottato per conquistare nuove  libertà e diritti, adoperano atteggiamenti maschili per affermarsi negli ambiti di potere.  Gli uomini invece si sono resi servili e delegano le loro responsabilità. Gli uomini hanno paura del potere delle donne e le donne temono la forza degli uomini.  Non è un caso che la sterilità delle coppie sia sempre in aumento. E’ sicuramente l’espressione di uno stile di vita “arido” ma anche di identità non più chiare né definite.  Le rivendicazioni del gender, per quanto possano sembrare etiche, sono manipolate da alcuni gruppi per creare una società sterile, dove presto i figli saranno ordinabili su un catalogo e non più il frutto dell’unione tra maschile e femminile. I nostri cromosomi diventano una questione meramente culturale.  Tutti i valori più profondi della società in questo momento sono sovvertiti in nome di una pseudo uguaglianza, di una pseudo libertà, della lotta contro la discriminazione.  Abbiamo bisogno di sentirci più buoni, più tolleranti e inclusivi senza accorgerci che questo “buonismo” richiama i lupi sotto pelli di agnello. Finora si è  parlato di guerra economica per la gestione delle fonti energetiche mondiali, di slittamento dell’asse del potere politico tra USA, Cina e URSS. Mentre questo conflitto di poteri  si palesa , una guerra culturale è subdolamente in atto, in cui i valori dell’occidente vengono deviati o sovvertiti .  Valori che attengono all’identità, ai ruoli sociali, agli Archetipi alla base della Vita. L’uguaglianza non esiste in Natura. Minerali, vegetali, animali  hanno dei compiti e dei ruoli sinergici, al servizio della Vita. L’Ape non pensa di essere uguale o superiore ad un altro regno della Natura. Fa l’Ape e lavora in sintonia con i campi elettromagnetici della terra, con i fiori, con altri insetti.  Solo l’uomo esula da questo ordine naturale sinergico e i risultati si pagano cari, giungendo alla distruzione delle specie, delle popolazioni, delle culture, del pianeta.  Questi sintomi sono gravi e richiedono di trovare dei nuovi equilibri, più consoni, come richiesta nell’immagine dell’esagramma KO:

Il fuoco sotto e il lago sopra si combattono e si annientano l'un l'altro. Così nel corso dell'anno ha luogo anche una lotta fra la forza chiara e quella scura, che si estrinseca nei sovvertimenti delle stagioni.

L 'uomo diventa signore del mutamento e nella natura, se egli ne riconosce la regolarità e suddivide corrispondentemente il corso del tempo. Subentrano con ciò ordine e chiarezza nel mutamento apparentemente caotico dei tempi e si è messi in grado di assumere, già in precedenza, gli atteggiamenti necessari di fronte alle richieste dei vari momenti.

 

Copyright 2015 Marie Noelle Urech
Realizzato con Simpleditor 1.7.5