X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

2017 - Instabilità e sovranità

2017 - Instabilità e sovranità

Purtroppo, il 2017 non vedrà ancora la fine della crisi, ma ci saranno comunque delle opportunità di ristrutturazione con l'aiuto di Saturno che fungerà da portale per scaricare le tensioni formate dall’opposizione Giove/Urano.  Sarà soprattutto l’energia  positiva del trigono di Saturno in Sagittario con Urano in Ariete (due segni di fuoco) costante quasi per tutto l’anno, che aiuterà a raddrizzare concretamente la situazione economica e sociale,  dando forza e supporto  a nuovi concetti, all’innovazione,  a riordinamenti burocratici, a nuovi modelli di economia e di società. Questo aspetto positivo copre una buona parte dell’anno, dal momento che inizia a gennaio  e perdurerà fino a dicembre, finché Saturno non entrerà nel Capricorno, il suo domicilio. Le leggi e riforme di leggi saranno al centro dell’attenzione, nel tentativo di ricostruire, di ripristinare l’etica e l’ordine in un contesto molto fragile.  Un movimento che sboccherà negli anni 2020 sia ad un recupero delle sovranità e dei valori più nazionalisti, sia ad una integrazione dei nuovi modelli ecologici.  Per quanto i politici e i governi che hanno tratto vantaggi personali dal vecchio mondo, cercheranno di privare ancora i cittadini dei loro ultimi strumenti democratici per trasferire gli ultimi centri di potere ad istanze mondialiste o sovranazionali, e manipoleranno la rabbia legittima dei popoli nei confronti delle disfunzioni e disservizi,  la coscienza dei popoli sta crescendo e non accetta più le conseguenze della perdita progressiva delle loro sovranità che li impedisce di gestire il proprio destino. Per saperne di più:  

Copyright 2015 Marie Noelle Urech
Realizzato con Simpleditor 1.7.5